Home / Militari / FIAT G 82

FIAT G 82

  • FIAT G 82
  • MM 53885
  • Codice: RS-19 (in realtà fusoliera dell’RS-18 con coda dell’RS-19)
  • nc 2
  • Data entrata in servizio in AM: 06.02.1956
  • Luogo foto: Aeroporto Militare Cameri (NO)
  • Data foto: sconosciuta: 16.05.2006
  • Autore foto: Marco Iarossi

FIAT G 82 MM 53885: consegnato all’AMI il 6 febbraio 1956 viene assegnato alla Scuola Turbogetti di Amendola con i codici ST-12. Dopo l’abbandono del progetto e solo un anno di impiego come addestratore, nel 1957 tutta la linea G 80 e 82 viene ceduta al RSV. Il 31 dicembre 1960 dopo un limitato impiego il velivolo, ora con i codici RS-18 viene radiato e accantonato a Pratica di Mare. Nei primi anni 60, con l’istituzione del corso di laurea d’ingegneria aeronautica, l’Università di Pisa richiese all’Aeronautica Militare di disporre di alcune cellule di velivoli per uso didattico. Tra questi vi era il vecchio G 82 che recuperato dalla base di Pratica di Mare venne trasferito a Pisa e conservato smontato all’interno di un hangar dell’istituto. Vi rimase sino a metà degli anni 70 quando tutte le cellule vennero ritirate dall’AMI. Dopo il ritiro il velivolo venne immagazzinato presso il centro di raccolta di Vigna di Valle. Con l’apertura nel nuovo museo dell’Aeronautica di Vigna di Valle, data la presenza di ben tre velivoli tra G 80 e 82 esposti, l’RS-18 venne dichiarato surplus per le esigenze del museo e immagazzinato a Guidonia, nel piccolo hangar che fungeva da magazzino del museo. In occasione dei 75 anni dell’aeronautica, l’AMI incaricò il Reparto Sperimentale di Volo a Pratica di Mare di restaurare un esemplare da esporre sulla base per i festeggiamenti della ricorrenza e successivamente nel Museo. Cosi i quattro esemplari di G 80 e G 82 in carico al museo vennero trasferiti sulla base. Venne restaurato il G 80 RS-22 per il museo ma le tre cellule rimanenti furono inspiegabilmente gettate nell’MSA della base. In breve le tre cellule diventarono relitti. Di questi relitti in seguito l’RS-21 venne ceduto al Romagna Air Finders. I rimanenti due, l’RS-18 e RS-19 vennero trasferiti a Cameri probabilmente per tentare di ricavarne un esemplare completo. A Cameri venne scelto per essere conservato appunto l’MM 53885 RS-18 ma alla fusoliera venne montata la coda dell’RS-19 MM 53886. Per un breve periodo venne esposto montato sul piazzale mentre se ne tentava un restauro, poi purtroppo vennero sospesi i lavori e il velivolo venne smontato e conservato al coperto dove si trova ancora oggi. Dell’altro velivolo, l’RS-19 con la coda dell’RS-18 si perdono le tracce. Non sappiamo se sia stato demolito o trasferito, come tanti altri relitti, sulla base di Piacenza.

Le cellule accantonate a Pratica di Mare – Foto autore sconosciuto

A Pisa – via Paolo Farina

06.08.1998 Immagazzinato a Guidonia dopo il ritiro da Pisa – Foto IHAP

Il relitto a Cameri con la coda originale – Foto autore sconosciuto

I resti dell’RS-19 con la coda RS-18 da cui è riemerso il vecchio 12 di Amendola per qualche tempo sono rimasti accantonati a Cameri Foto autore sconosciuto                                                                                             

Check Also

PANAVIA Tornado IDS

Il PANAVIA Tornado IDS esposto a Cameri con i codici del 6° Stormo è in realtà il secondo prototipo italiano del velivolo con MM X-587.