Breaking News
Home / Memorie / Douglas DC 6B

Douglas DC 6B

  • Douglas Dc 6B
  • MM 61965
  • Codice: I-LOVE (fittizio) ex 31-5
  • nc 44251/420
  • Anno di costruzione: 1953
  • anno di radiazione: 01.1978
  • Luogo foto: Ristorante “Il Covo dei Pirati” Contrada Baghero,14 – Cingoli (MC)
  • Data foto: 05.1989
  • Autore foto: IHAP
Douglas DC 6B a Cingoli (MC)

Douglas DC 6B MM 61965: Costruito nel 1953 fu acquistato nello stesso anno da Alitalia e ceduto nel 1961 alla SAM, da cui viene radiato come I-DIMA agli inizi del 1970 per passare in linea con AMI. Rimarrà in servizio prima con il Reparto Volo Stato Maggiore come SM-5 e poi con il 31° Stormo come 31-5 sino al gennaio 1978, quando viene radiato e accantonato sull’aeroporto romano di Ciampino, sua base operativa da sempre. Dopo la radiazione, viene privato dei quattro motori che saranno mantenuti come scorta ricambi per gli altri esemplari ancora in servizio. Messo all’asta la prima volta nel 1984 con un prezzo base di 16.900.000 Lire, rimane invenduto. Viene venduto invece il 28 novembre 1986 alla seconda asta e acquistato dal sig. Antonio Zannini, titolare di una ditta di macchine agricole, che lo trasferisce a Cingoli, vicino Macerata e lo trasforma in locale di ristoro. Ma Zannini è principalmente un commerciante, più che un ristoratore e nel 2000 rivende il DC 6 ad un privato di Rovigo.

Lo scivolo utilizzato per uscire dall’aereo – Foto IHAP 05.1989

La colorazione simile alla LAI – Foto IHAP 05.1989

Le eliche di C 119 in sostituzione delle originali – Foto IHAP 05.1989

L’interno del velivolo trasformato per la ristorazione – Foto IHAP 05.1989

La cabina e il vano radio con le cloche sostituite con volanti di auto – Foto IHAP 05.1989

11.09.1981 Argo a Ciampino oramai radiato – Foto archivio IHAP

In fase di posizionamento a cingoli senza motori ed eliche – Foto autore sconosciuto

Completato ma ancora privo delle eliche – Foto Lucio Lucci

Check Also

Aeritalia FIAT G 91T/1

Consegnato all’AMI il 20 novembre 1972 fece parte dell’ultimo lotto di Tango consegnato all'Aeronautica Militare. Dopo la radiazione segue lo stesso identico percorso del precedente. Dopo la chiusura del ristorante viene venduto ad un privato di Passatempo di Osimo (AN) dove è esposto oggi