Breaking News
Home / Militari / Canadair CL.13 Sabre E

Canadair CL.13 Sabre E

  • Canadair CL.13 Sabre E
  • MM 19782
  • Codice: 4-83 (ex RAF XB894)
  • nc 682
  • Data primo volo: 07.07.1953
  • Entrata in servizio in AM: 12.12.1956
  • Luogo foto: I.T.I.S. Leonardo Da Vinci , via Contessa Matilde 74 – Pisa
  • Data foto: sconosciuta
  • Autore foto: Sven Zimmerman
Canadair CL.13 Sabre E MM 19782: in AMI dal 12.12.1956, è conservato dal 1964 presso l’I.T.I.S. Leonardo da Vinci di Pisa. Il velivolo all'inizio della sua vita operativa ha volato con la RAF nello Squadron 130 a Bruggen in Germania. Riconsegnato successivamente all'USAF fu da questa rigirato all'AM.

Canadair CL.13 Sabre E MM 19782: in AMI dal 12.12.1956, è conservato dal 1964 presso l’I.T.I.S. Leonardo da Vinci di Pisa. Il velivolo all’inizio della sua vita operativa ha volato con la RAF nello Squadron 130 a Bruggen in Germania. Riconsegnato successivamente all’USAF fu da questa rigirato all’AM. A Pisa è rimasto per molti anni in stato di abbandono, scarsamente utilizzato tanto che su richiesta AMI, venne ceduto il tettuccio per il restauro del Sabre di Cameri. Questa donazione si dimostrò un problema quando negli anni 80 se ne decise il restauro. Il velivolo rimase perciò privo dell’importante parte sino al 1987 quando segnalammo all’istituto l’esistenza di due canopy presso la Petrimetal di Castrette; uno di questi venne recuperato e montato sul velivolo, ripristinando così la sua originale linea. Purtroppo attualmente il Sabre risente dei tanti anni all’aperto e della scarsa manutenzione effettuata nel tempo.

Il velivolo da poco consegnato all’Istituto – Foto Archivio IHAP

Il velivolo privato del canopy – Foto Archivio IHAP

08.09.1985 il velivolo all’esterno con telo di copertura – Foto IHAP

Perimetral, due tettucci di F 86K e due di CL.13 tra cui uno dei due presi dall’Istituto – Foto IHAP

Il nuovo canopy montato – Foto Aviodata

08.09.1985 il restauro mai completato – Foto IHAP

07.06.2000 – Foto IHAP

Check Also

FIAT G 91R1/B

FIAT G 91R1/B MM 6414: risulta essere un ulteriore ibrido come molti dei G 91 conservati, e per di più con chiare tracce di contraffazione dei numeri matricolari e di costruzione, come già riscontrato su altri velivoli. La cellula fa parte del lotto di quattro velivoli che il demolitore Banciotto di Pinerolo acquistò nel 2002 dal parco di Ditellandia