Breaking News
Home / Uncategorized / FIAT Lockheed F 104G

FIAT Lockheed F 104G

  • FIAT Lockheed F 104G
  • MM 6595
  • Codice: special color (ex 3-36)
  • nc sconosciuto
  • Luogo foto: Agriturismo “OASI” via Ortigara 8 – Cassano Magnago (VA)
  • Data foto: sconosciuta
  • Autore foto: Agriturismo “OASI”
FIAT Lockheed F 104G MM6595

FIAT Lockheed F 104G MM 6595: anche questo esemplare proviene da S.Possidonio dove era uno dei relitti immagazzinato in cattive condizioni. Notevoli i danni causati dal taglio in ottemperanza al CFE, effettuato a Villafranca per la demolizione del velivolo. Con la chiusura di S.Possidonio, il malconcio G viene acquisito dall’agriturismo dove si trova almeno dal 2008. Dopo il recupero venne restaurato come uno dei 104G in uso al 3° Stormo di Verona con la vecchia livrea a codici grandi. Dopo qualche anno di esposizione all’ingresso del parco, è stato di recente sottoposto a riverniciatura per rappresentare una copia dello “Special Color” STREGA, il cui originale, creato nel novembre del 1989 in occasione di un raduno del gruppo, attualmente è gate a Villafranca.

Il 3-36 dopo il primo restauro esposto all’ingresso – Foto autore sconosciuto

Nel nuovo posizionamento prima di diventare special color – Foto Paul Newbold

Nuovo restauro e cambio di livrea – Foto autore sconosciuto

La nuova livrea e il gruppo di restauro – Foto autore sconosciuto

La strega riprodotta in materiale autoadesivo – Foto autore sconosciuto

Terminato il restauro viene portato in area espositiva – Foto autore sconosciuto

Check Also

Collezione Privata Pedroni

La piccola collezione nasce dalla grande passione per l’aviazione del proprietario Lauro Pedroni, oggi purtroppo scomparso. Nel 1999 acquista il primo velivolo, un G 91Y perfetto che arriva da Cervia. Ricordo con quanto entusiasmo, in una mia visita nel 1999, il signor Lauro aprì un pozzetto vicino al velivolo collegò un cavo al velivolo e aprì elettricamente il tettuccio per mostrarmi l’abitacolo quasi completo. Una bellissima persona che mi parlò di come volesse creare un piccolo museo. Al G 91 fece seguito il T6, facente parte di un lotto di velivoli acquistati a Guidonia con l’amico Bianchi titolare della collezione di San Possidonio, con cui oltre all’amicizia condivideva la stessa passione per l’aviazione.