Breaking News
Home / Uncategorized / Grumman G-164 AgCat

Grumman G-164 AgCat

  • Grumman G-164 AgCat
  • Immatricolazioni: I-GRUA, I-GRUB. I-GRUC
  • nc 261, 267 e 268
  • Autore foto: IHAP

Acquistati presso il demolitore di Roma “Salvatore Profeta” i biplani agricoli erano utilizzati dalla ALIROMA come antincendio ed erano basati sull’aeroporto romano dell’Urbe negli anni 80. Dopo il fallimento della società i velivoli furono sequestrati ed accantonati sull’aeroporto sino alla vendita per demolizione. Nazzi ne acquistò due dal demolitore, l’I-GRUA e l’I-GRUC quest’ultimo senza motore poiché inviato in revisione e bloccato dal sequestro all’estero. Successivamente acquistò anche l’I-GRUB che però il demolitore aveva venduto ad una discoteca di Roma, dove era usato come insegna sul tetto del locale. Iniziarono così i lavori di restauro e ad un esemplare si riuscì a mettere in efficienza il motore ma poi tutto si fermò e i velivoli restarono allo stato in cui si trovano tutt’ora.

Grumman G-164 AgCat a Roma presso il Ristorante da Zì Pietro

20.07.2011 Grumman G -164 I-GRUB in deposito presso il Museo – Foto IHAP

21.12.1991 l’I-GRUA presso il demolitore Profeta a Roma – Foto IHAP

21.12.1991 L’I-GRUB presso il demolitore Profeta a Roma – Foto IHAP

Recupero dell’I-GRUB dal tetto della discoteca – Foto Walter Nazzi

Lavori di restauro sul motore – Foto IHAP

Messa in moto – Foto Walter Nazzi

24.05.2001 al Museo – Foto IHAP

Check Also

Collezione Privata Pedroni

La piccola collezione nasce dalla grande passione per l’aviazione del proprietario Lauro Pedroni, oggi purtroppo scomparso. Nel 1999 acquista il primo velivolo, un G 91Y perfetto che arriva da Cervia. Ricordo con quanto entusiasmo, in una mia visita nel 1999, il signor Lauro aprì un pozzetto vicino al velivolo collegò un cavo al velivolo e aprì elettricamente il tettuccio per mostrarmi l’abitacolo quasi completo. Una bellissima persona che mi parlò di come volesse creare un piccolo museo. Al G 91 fece seguito il T6, facente parte di un lotto di velivoli acquistati a Guidonia con l’amico Bianchi titolare della collezione di San Possidonio, con cui oltre all’amicizia condivideva la stessa passione per l’aviazione.