Breaking News
Home / Musei e collezioni private (3+ esemplari) / “Museo del Veicolo Storico” di Walter Nazzi presso RISTORANTE ZI PIETRO

“Museo del Veicolo Storico” di Walter Nazzi presso RISTORANTE ZI PIETRO

Via Tuscolana  SS.215 , n° 1713Roma

tel: 06 7200012

Walter Nazzi, per il proprio erigendo Museo del Veicolo Storico, oltre a decine e decine di auto, moto, trattori e mezzi agricoli e militari che già possedeva, tutti rigorosamente storici e molti mantenuti in efficienza, decise da grande appassionato di aviazione di aggiungere una componente aeronautica. Il primo velivolo a raggiungere la collezione fu un Beechcraft C 45F ex AMI acquistato presso il parco di Ditellandia. Sottoposto ad un sommario restauro il velivolo venne montato su un supporto idraulico in grado di farlo muovere simulandone il volo. Inizialmente furono anche rimessi in efficienza i motori e il sistema di retrazione del carrello anteriore il tutto con una colorazione USAF di fantasia. Per varie vicissitudini il progetto del museo non si concretizzò ed il C 45 come altri velivoli della collezione è ora in vendita.

Della collezione fanno parte anche un Lockheed T 33A-1 -LO, un Agusta Bell AB 47J, un Piaggio P 166M, un raro Grumman G 164 AG Cat ed un Aeritalia G 91Y (mai esposto) mentre è stat0 venduto un Piaggio P 148. Sono presenti moltissime componenti provenienti da vari velivoli.

Dismessi dalla collezione

Componenti staccate da esposizione

Check Also

Collezione Privata Pedroni

La piccola collezione nasce dalla grande passione per l’aviazione del proprietario Lauro Pedroni, oggi purtroppo scomparso. Nel 1999 acquista il primo velivolo, un G 91Y perfetto che arriva da Cervia. Ricordo con quanto entusiasmo, in una mia visita nel 1999, il signor Lauro aprì un pozzetto vicino al velivolo collegò un cavo al velivolo e aprì elettricamente il tettuccio per mostrarmi l’abitacolo quasi completo. Una bellissima persona che mi parlò di come volesse creare un piccolo museo. Al G 91 fece seguito il T6, facente parte di un lotto di velivoli acquistati a Guidonia con l’amico Bianchi titolare della collezione di San Possidonio, con cui oltre all’amicizia condivideva la stessa passione per l’aviazione.