Breaking News
Home / Memorie / FIAT G 91T/1

FIAT G 91T/1

  • FIAT G 91T/1
  • MM 6428 (coda della MM 6355)
  • Codice: 60-78
  • nc 109 (coda nc 85)
  • Data entrata in servizio AM: 21.05.1966
  • Luogo foto: Basiliano (UD)
  • Data foto: sconosciuta
  • Autore foto: sconosciuto

FIAT G 91T/1 MM 6428: entrato in servizio con l’AMI il 21 maggio 1966, è accantonato a fine carriera sulla base di Foggia Amendola. Viene poi sezionato in base al trattato CFE e cosi rimane in abbandono sino al 1997 quando diventa parte di un lotto di G 91T acquistati dalla ditta Bentivoglio di Roma e trasferiti nel deposito sulla via Prenestina. Qui il 60-78 come gli altri similari, viene ricostruito riparando quanto fatto dal CFE montando però la coda del velivolo 60-55 (MM 6355 nc.85). Viene venduto al titolare di un autosalone di Basiliano, in provincia di Udine. Nel 2000 il velivolo è rimontato sul piazzale e pronto per il restauro; gradualmente, la livrea viene fedelmente riprodotta e gli abitacoli vengono ripristinati. Rimane esposto per molti anni poi, per motivi che ignoriamo, il velivolo viene riacquistato da Bentivoglio e nel 2010 è di nuovo nel deposito in vendita. Viene poi acquistato da un privato di Casciana Terme in provincia di Pisa dove oggi e esposto.

Sezionato ad Amendola prima della vendita – Foto Bentivoglio

29.12.1997 ricostruito e pronto per la vendita nel vecchio deposito Bentivoglio della Prenestina – Foto IHAP

La parte posteriore del 60-55 MM.6355 in deposito – Foto IHAP

Anno 2000, appena acquistato e rimontato presso l’autosalone a Basiliano – Foto Yuri Ceroni        

                                                    

Il 60-78 riacquistato torna nel deposito della Bufalotta – Foto Bruno Bentivoglio

Check Also

Aeritalia G 91Y

Aeritalia G 91Y MM 6459: in servizio con l’AMI dal 5 settembre 1969, termina la sua carriera a Cervia come 8-15. Nel 2000 era gate guardian del comando dei Vigili del Fuoco della base sino al 2003, anno in cui ne viene decisa l’alienazione. Il velivolo viene ridotto e ceduto per demolizione alla ditta Bentivoglio di Roma. Ad aprile 2003 arriva nel deposito di via Bufalotta dove viene ricostruito. Nel 2004 viene venduto ad una collezione privata, il “Museo delle Comunicazioni” di Cormano (MI)