Breaking News
Home / Militari / Aeritalia FIAT G 91T/1

Aeritalia FIAT G 91T/1

  • Aeritalia FIAT G 91T/1
  • MM 54407
  • Codice: nessuno (ex 60-107)
  • nc 134
  • Luogo foto: abitazione privata via Dalmazia 43 – Arba (PN)
  • Data foto: sconosciuta
  • Autore foto: Paolo Foramiti
Aeritalia FIAT G 91T/1 ad Arba (PN)

Aeritalia FIAT G 91T/1 MM 54407: conservato presso un privato almeno dal 2011, venne acquistato presso il Parco Tematico del Volo di Rimini. Nel 1996 era tra i molti G 91T radiati ad Amendola e sottoposti a riduzione. Nel 1997 fa parte del lotto di trenta Velivoli acquistati dalla ditta Bentivoglio e trasferiti nel deposito all’epoca sito in Via Prenestina a Roma. Qui viene ricostruito e posto in vendita. Curiosamente questo velivolo è quasi completamente sverniciato. Nel 2002 viene trasferito nel nuovo deposito di Via della Bufalotta. Successivamente viene acquistato dai F.lli Borra insieme ad altri tre esemplari similari e trasferito a Montebello della Battaglia, vicino Pavia. Nel 2005 con il famoso fallimento dei Borra, il G 91 va all’asta e insieme ad un altro esemplare, viene acquistato dal museo di Rimini. Qui il velivolo rimane accantonato in deposito ma la coda viene sostituita con quella del velivolo con MM 54405. Successivamente rivenduto, lo ritroviamo oggi in restauro ad Arba, vicino Pordenone.

11.1996 in secondo piano ad Amendola, con numero CFE 6 – Foto autore sconosciuto

29.12.1997 arrivato da Bentivoglio sulla Prenestina – Foto IHAP

26.01.1998 dopo una prima ricostruzione – Foto IHAP

17.06.2002 trasferito nel nuovo deposito alla Bufalotta ancora invenduto – Foto IHAP

2004 Montebello della Battaglia, deposito Collezione Borra – Foto autore sconosciuto

Deposito velivoli Museo di Rimini – Foto autore sconosciuto

Deposito Museo di Rimini, strani adesivi forse per esigenze cinematografiche – Foto autore sconosciuto

Check Also

Aeritalia Lockheed F 104S ASA

Aeritalia Lockheed F 104S ASA MM 6797: si tratta di un ulteriore ibrido ricostruito da vari velivoli presso la ditta Bentivoglio di Roma. Alla fusoliera del 5-36 MM 6797 sono stati uniti, la coda MM 6845 e il radome del G con MM 6551.