Breaking News
Home / Memorie / Republic F 84F

Republic F 84F

  • Republic F 84F
  • MM 53-6695
  • Codice: 69-3 (ex 36-35)
  • nc sconosciuto
  • Data entrata in servizio: 01.01.1956
  • Data radiazione: 31.12.1972
  • Luogo foto: via Nostra Signora del Monte 60 – Savona
  • Data foto: sconosciuta
  • Autore foto: Archivio IHAP
Republic F 84F a Savona

Republic F 84F MM 53-6695: in servizio con l’AMI dal 1 gennaio 1956, viene radiato il 31 dicembre 1972.  Dopo qualche anno di accantonamento probabilmente sulla base di Gioia del Colle, fece parte del grosso lotto di velivoli venduti al demolitore Zanardo. Questi rivendette parte dei velivoli acquisiti a Gianni Petrin che li trasferì a Castrette, nel proprio deposito. A Castrette nel 1976 viene ricostruito utilizzando la coda dell’F 84F 8-39 MM 53-6659 e la deriva del MM 53-6623. L’ibrido così ottenuto viene riverniciato con colorazione di fantasia. Un lampo rosso tipo 101° Gruppo nasconde gli originali codici 36-35 e in fusoliera vengono applicati i falsi codici 69-3. Viene successivamente acquistato dal sig.Flavio Cabib di Savona che lo conserva nel proprio giardino in via Nostra Signora del Monte 60 per molti anni. Negli anni 2000 l’F 84 viene acquistato dai fratelli Borra che in quegli anni stanno mettendo insieme un’imponente collezione. Purtroppo l’imponente progetto dei fratelli Borra è destinato a fallire. Nel 2005 con il fallimento l’F 84 viene messo all’asta e riacquistato da un privato, Luca Orsini, che ha un legame particolare con questo velivolo poiché  negli anni 70 lo pilotava il padre a Gioia del Colla, quindi lo acquista e lo trasferisce a Cascina in provincia di Pisa con l’intenzione di riportarlo alle condizioni originali.

Check Also

Aeritalia G 91Y

Aeritalia G 91Y MM 6459: in servizio con l’AMI dal 5 settembre 1969, termina la sua carriera a Cervia come 8-15. Nel 2000 era gate guardian del comando dei Vigili del Fuoco della base sino al 2003, anno in cui ne viene decisa l’alienazione. Il velivolo viene ridotto e ceduto per demolizione alla ditta Bentivoglio di Roma. Ad aprile 2003 arriva nel deposito di via Bufalotta dove viene ricostruito. Nel 2004 viene venduto ad una collezione privata, il “Museo delle Comunicazioni” di Cormano (MI)