Breaking News
Home / Militari / Aeritalia Lockheed F 104S ASA

Aeritalia Lockheed F 104S ASA

  • Aeritalia Lockheed F 104S ASA
  • MM 6701
  • Codice: 9-51
  • nc 783-1001
  • Luogo foto: Parco “G.Rodari” via L.Vanvitelli – Capodrise (CE)
  • Data foto: 2018
  • Autore foto: IHAP
Aeritalia Lockheed F 104S ASA MM 6701 a Capodrise (CE)

Aeritalia Lockheed F 104S ASA MM 6701: il velivolo esposto nel Parco Giochi “G.Rodari” a Capodrise in provincia di Caserta è molto interessante in quanto si tratta della MM6701 c/n 783-1001, primo F 104S costruito in Italia dall’ Aeritalia. Il velivolo è stato accettato dall’ Aeronautica Militare il 25 ottobre del 1968 ed ha volato la prima volta il 30 dello stesso mese. E’ stato preso in carico dal Reparto Sperimentale Volo come prototipo con marche RS-1 fino al 20 gennaio del 1976 quando è stato portato allo standard della versione S. Dalla fine del 1980 ha volato con il numero di carrozzella RS-06 e nel 1987 è stato utilizzato per le prove statiche della sonda per il rifornimento in volo. Ad agosto del 1989 è stato visto in servizio con il 22° Gruppo del 51° Stormo con marche 51-05 e nel febbraio del 1990 lo troviamo nelle fila del 21° Gruppo del 53° Stormo con codici 53-07. E’ stato trasformato in ASA il 18 novembre del 1991 anno nel quale è stato in carico al 12° Gruppo del 36° Stormo di Gioia del Colle. Lo ritroviamo nel 1997 in carico al 10° Gruppo del 9° Stormo di Grazzanise come 9-35 e dal 1999 con i codici 4-16 nel 9° Gruppo del 4° Stormo di Grosseto con il quale ha volato fino alla radiazione.
Nel settembre del 2001 era accantonato a Grazzanise. Sicuramente non è mai stato trasformato nella versione ASA-M.

Nel 2020 il velivolo è stato rimosso e portato all’interno della base aerea di Grazzanise.

Check Also

FIAT G 91R1/B

FIAT G 91R1/B MM 6414: risulta essere un ulteriore ibrido come molti dei G 91 conservati, e per di più con chiare tracce di contraffazione dei numeri matricolari e di costruzione, come già riscontrato su altri velivoli. La cellula fa parte del lotto di quattro velivoli che il demolitore Banciotto di Pinerolo acquistò nel 2002 dal parco di Ditellandia