Breaking News

Museo Piana delle Orme

Museo Piana delle Orme
Località Borgo Faiti – Strada Migliara 43 1/2, 29, 04100 Latina LT
Da Aprile ad Ottobre
aperto dalle 9:00 alle 18:00; sabato e domenica 9:00/18:30
Novembre, Febbraio, Marzo
aperto dalle 9.00 alle 16:00; sabato e domenica 9:00/17:00
Dicembre e Gennaio
aperto 9:00/14:00; sabato e domenica 9:00/16:00
Tel: 0773 258708
info@pianadelleorme.it 
pianadelleorme@gmail.com
http://pianadelleorme.com

Il Museo di Piana delle Orme è un parco-museo all’aperto in provincia di Latina contenente circa 50000 reperti distribuiti in molti padiglioni secondo molteplici temi contestualizzati con il territorio che vanno dallo Sbarco di Anzio durante la Seconda guerra mondiale alla bonifica dell’Agro Pontino.
Il Museo, privato, nasce nel 1997 dalla collezione di Mariano De Pasquale (1938-2006) imprenditore, fondatore e proprietario di un’azienda di floricultura. All’interno di 16 padiglioni da 1500 metri quadri ognuno, disposti su due file, sono stati raccolti migliaia di pezzi che testimoniano non solo il recente passato bellico ma anche la cultura contadina. Ogni padiglione affronta un particolare tema attraverso specifiche ricostruzioni didattiche ricche di animazioni ed effetti sonori. Allestimenti scenografici, organizzati in diorami in scala 1:1, sono volutamente privi di barriere tra gli oggetti esposti e il visitatore. Spalle all’entrata, la fila di destra dei padiglioni espone i temi bellici relativi alla seconda guerra mondiale in cui è rimasta coinvolta l’Italia e il Lazio, quella di sinistra invece i temi dedicati all’agricoltura e alla vita quotidiana in tempo di pace. Di recente apertura la zona aeronavale, all’aperto, dove sono espste alcune motovedette della Guardia di Finanza e numerosi velivoli. E’ previsto a breve l’arrivo di altri interessanti mezzi.

Esemplari esposti

work in progress…..

Check Also

Collezione Privata Pedroni

La piccola collezione nasce dalla grande passione per l’aviazione del proprietario Lauro Pedroni, oggi purtroppo scomparso. Nel 1999 acquista il primo velivolo, un G 91Y perfetto che arriva da Cervia. Ricordo con quanto entusiasmo, in una mia visita nel 1999, il signor Lauro aprì un pozzetto vicino al velivolo collegò un cavo al velivolo e aprì elettricamente il tettuccio per mostrarmi l’abitacolo quasi completo. Una bellissima persona che mi parlò di come volesse creare un piccolo museo. Al G 91 fece seguito il T6, facente parte di un lotto di velivoli acquistati a Guidonia con l’amico Bianchi titolare della collezione di San Possidonio, con cui oltre all’amicizia condivideva la stessa passione per l’aviazione.